Vai menu di sezione

Calcolo assegni di studio

Il punteggio, che va da un minimo di 1 ad un massimo di 100 punti, viene dato per metà al merito scolastico e per l'altra metà alla condizione economica che risulta dall’ICEF.
Il calcolo del punteggio relativo al merito scolastico non tiene conto del voto di religione e del voto di condotta.
La somma dei due punteggi equivale alla percentuale del contributo riconosciuto.
Sul sito www.icef.provincia.tn.it è possibile fare la simulazione del calcolo approssimativo dell’assegno di studio.

L’assegno di studio può essere erogato, in un’unica rata, dopo che sono state verificate le spese effettivamente sostenute o, se richiesto nella domanda, in 2 rate: la prima, pari al 50% dell’assegno di studio, viene erogata entro 30 giorni dall'approvazione della graduatoria, la seconda al termine della verifica delle spese realmente sostenute.
Nel caso in cui i fondi stanziati per gli assegni di studio non fossero sufficienti a soddisfare tutte le richieste valide, gli importi degli assegni saranno ridotti in modo proporzionale.

Vengono effettuati controlli a campione su quanto dichiarato relativamente al reddito, al patrimonio e al merito scolastico.
Al momento della consegna dell’assegno di studio, lo studente deve dimostrare di frequentare con regolarità la scuola e il convitto nell’anno scolastico a cui fa riferimento la domanda.
L’assegno di studio non è cumulabile con altri assegni o borse di studio concessi, per le stesse finalità dalla Provincia. È invece cumulabile con analoghi benefici concessi da altri enti o istituzioni pubbliche. Chi riceve questo tipo di benefici, deve comunicare l’importo ricevuto al Servizio Istruzione della Comunità che ricalcola l’assegno di studio.

Valuta questo sito

torna all'inizio