Vai menu di sezione

Stati Generali della Montagna: obiettivi ed azioni proposte dai Tavoli di Lavoro

Terminate le prime sei riunioni che hanno coinvolto circa 250 stakeholder locali - L'iniziativa ha lo scopo di far emergere temi e progetti da sviluppare nella Legislatura, proposti direttamente dalle vallate e città trentine ed individuati mediante una fase partecipativa estesa a tutti gli attori territoriali - Le tesi finali verranno condivise in una "sessione plenaria" fissata per il 20 maggio, mentre alle Terme di Comano, il 15 e 16 giugno, si terrà una convention alla quale parteciperanno tutti gli ambiti territoriali del Trentino.

Sono terminate lunedì sera con il tavolo di lavoro “Sviluppo Economico e Coesione Sociale” le prime 6 riunioni degli  Stati Generali della Montagna in Giudicarie, un percorso che ha implicato il coinvolgimento di circa 250 stakeholder locali.

Iniziativa  lanciata dalla nuova Giunta provinciale, gli Stati Generali della Montagna hanno lo scopo di far emergere temi e progetti da sviluppare nella legislatura, proposti direttamente dalle vallate e dalle città del Trentino e individuati attraverso una fase partecipativa estesa a tutti gli attori territoriali.

Il Presidente della Comunità Giorgio Butterini, nominato coordinatore d’ambito, ha costituito sei Tavoli di Lavoro, che si sono riuniti in queste settimane con il compito di definire obiettivi ed azioni concrete di sviluppo per le Giudicarie, da condividere successivamente con il governo provinciale.

La prima riunione, che  riguardava i Tavoli di Lavoro “Governance Istituzionale” e “Infrastrutture e Politiche Energetiche”, si è svolta il 18 aprile alla presenza di una trentina di Amministratori in rappresentanza di tutti gli enti territoriali. Sono stati preliminarmente individuati i due referenti: rispettivamente il Presidente della Comunità,  Giorgio Butterini e il Sindaco di Borgo Lares, Giorgio Marchetti.

Tra gli obiettivi del Tavolo “Governance”, la conferma della Comunità come Ente sovraccomunale per l’erogazione di servizi a favore dei Comuni e della popolazione e la richiesta che le gestioni associate dei Comuni siano rese facoltative, a geometria variabile e disegnate puntualmente in funzione delle esigenze locali.

Il Tavolo “Infrastrutture e Politiche Energetiche ha indicato nella realizzazione dei collegamenti strategici interni ed esterni alle Giudicarie, ed in particolare circonvallazioni e tangenziali, gli obiettivi principali. Viste le imminenti scadenze, massima attenzione è stata dedicata anche alla importantissima tematica delle “concessioni idroelettriche”, da cui scaturiscono fondamentali entrate per gli enti locali: il gruppo di lavoro ha ribadito con forza la volontà di mantenere gli attuali canoni, anche in considerazione del fatto che in Giudicarie si produce buona parte dell’energia trentina.

Nella sintesi vengono poste come questioni fondamentali anche la metanizzazione di Valle Rendena e Giudicarie Esteriori, il completamento della rete tecnologica per la banda larga e una nuova visione del territorio che prevede una distribuzione di servizi e infrastrutture distribuiti in reazione a quattro “città virtuali”, corrispondenti agli ambiti di della Val Rendena, del Chiese, della Busa delle Esteriori, coordinate dall’ente sovracomunale.

Il 23 aprile si è riunito il Tavolo “Servizi alla Persona e Sicurezza”,  per il quale sono stati indicati referenti l’Assessore alle Attività sociali della Comunita, Michela Simoni e il Direttore della APSP “Rosa dei Venti” di Condino, Matteo Radoani.

Obiettivi principali il settore dei servizi agli anziani, in considerazione del progressivo invecchiamento della popolazione e anche in previsione della nascita dello “Spazio Argento” ed il mantenimento  di un Presidio ospedaliero efficiente, all'interno de quale vengano garantiti i servizi fondamentali.  Altra tematica ritenuta di rilievo è “l’abitare sociale” per rispondere ai bisogni emergenti, attraverso nuove forme di accoglienza e convivenza (cohousing) più flessibili e personalizzate rispetto alle classiche strutture residenziali.

Nel campo sanitario una delle opportunità per il futuro è quella di introdurre delle Associazioni funzionali di Medici di base con una formula organizzativa che tenga conto delle esigenze che arrivano dai territori.

Rispetto al tema della  “Sicurezza” è prioritaria la prevenzione di comportamenti a rischio (dipendenze da alcol, sostanze stupefacenti, gioco d’azzardo).

Nella riunione del 29 aprile, relativa al  Tavolo “Istruzione, cultura e politiche giovanili”, è stato nominato referente Claudio Nicolussi, Direttore del CFP UPT di Tione di Trento.

Tra gli obiettivi indicati quello di consolidare, integrare e riqualificare l’offerta di istruzione e formazione in Giudicarie e l’integrazione Scuola-Territorio, attraverso l’attivazione di percorsi formativi su qualifiche e specializzazioni che rispondano puntualmente alla domanda del mondo del  lavoro.

Per le politiche giovanili l’azione individuata si riferisce alla creazione di  una piattaforma per far incontrare le opportunità occupazionali in Giudicarie con le risorse professionali che vengono dai giovani, in collaborazione con l’Agenzia del Lavoro.

Il 2 maggio si è svolta la riunione del Tavolo “Paesaggio, Ambiente e Territorio” che ha individuato in Joseph Masè, Presidente del Parco Naturale Adamello Brenta, il proprio referente.

Questo gruppo di lavoro ha focalizzato le proprie attenzioni sulla conservazione della biodiversità e degli ecosistemi, la tutela e valorizzazione delle acque (ghiacciai, laghi, fiumi, sorgenti); sugli investimenti relativi alla mobilità sostenibile,  sulla riduzione della produzione dei rifiuti ed il passaggio progressivo al sistema di raccolta porta a porta.

L’ultimo Tavolo, riunitosi il 6 maggio, si è occupato di “Sviluppo economico e Coesione sociale”; i referenti sono  la Presidente della Cassa Rurale Adamello Brenta, Monia Bonenti e il Presidente dell’Associazioni Artigiani giudicariesi, Luca Martinelli.

Qui è emersa una condivisione piena degli obiettivi già individuati negli altri gruppi di lavoro con riferimento alla realizzazione delle infrastrutture viabilistiche e al completamento delle reti telematiche in fibra ottica e rete del metano: tutti argomenti che hanno naturalmente anche una valenza economico-sociale. Condivisione anche per quanto riguarda la richiesta di semplificazione e sburocratizzazione nelle pratiche amministrative e nell’auspicare un rapporto più stretto e costruttivo tra attività produttive e mondo della Scuola e della Formazione.

È stata inoltre condivisa la necessità di istituire un ufficio dedicato che si occupi di analisi numeriche e statistiche rispetto all'economia di valle, strumento fondamentale per un approccio rigoroso e scientifico verso i reali bisogni del territorio.

Per quanto riguarda il settore del Turismo l’orientamento è quello di alimentare ulteriormente una promozione coordinata tra i quattro ambiti turistici giudicariesi, rafforzando sempre più il brand Giudicarie; pari importanza è stata posta sull'opportunità di integrare sempre più il comparto ricettivo con quello delle produzioni agricole.

I rappresentanti degli impianti sciistici hanno evidenziato la necessità di qualificare sempre più la propria offerta, al fine di mantenere alta la competitività delle stazioni giudicariesi e trentine, attraverso l’innovazione, lo sviluppo e la possibilità di realizzare nuovi impianti, ponderandone attentamente gli effetti anche sotto il profilo ambientale.

I documenti di sintesi di questi sei gruppi di lavoro sono stati pubblicati sul sito della Comunità delle Giudicarie per consentire a tutti i cittadini di inviare considerazioni su quanto discusso ed eventualmente proporre ulteriori istanze, che dovranno pervenire entro il 17 maggio.

Di seguito si riporta il link di accesso alla specifica sezione del portale: 
http://www.comunitadellegiudicarie.it/Tematiche/Progetti/Stati-Generali-della-Montagna

Le tesi finali verranno quindi condivise in una “sessione plenaria”, fissata per il 20 maggio, alla quale saranno invitati tutti gli stakeholder coinvolti.

Saranno successivamente i Referenti nominati nei gruppi di lavoro, in qualità di delegati del territorio, a esporre quanto espresso dalle Valli Giudicarie nella convention convocata per il 15 e 16 giugno presso la Sala congressi delle Terme di Comano e alla quale parteciperanno tutti gli ambiti trentini, oltre ai componenti della Giunta e alle tante istituzioni provinciali coinvolte.

Valuta questo sito

torna all'inizio