Vai menu di sezione

Piano Territoriale Giudicarie: le decisioni prese: aree produttive e industriali

È stato approvato dall’Assemblea della Comunità delle Giudicarie il Piano urbanistico delle aree produttive. Un documento ispirato al «contenimento delle nuove costruzioni a favore del riutilizzo dei capannoni dismessi, la riqualificazione e valorizzazione di aree produttive inutilizzate»

È stato approvato all’unanimità dall’Assemblea della Comunità delle Giudicarie il 5 giugno 2014 il Piano Stralciodelle aree produttive.
Un documento ispirato al «contenimento delle nuove costruzioni a favore del riutilizzo dei capannoni dismessi,la riqualificazione e valorizzazione di aree produttive inutilizzate».
Il settore industriale è in un periodo di contrazione produttiva e di conseguenza occupazionale. Gli indicatori macroeconomici sullo stato del settore produttivo registrano complessivamente un trend negativo. Gli spazi vuoti presenti nelle aree già attive sono purtroppo una realtà.
Di conseguenza, lo stralcio relativo alle Aree produttive del Piano Territoriale di Comunità, approvato in via definitiva dall’Assemblea ed anche dalla Giunta provinciale (febbraio 2015), ha previsto una riduzione delle superfici industriali, prevedendo, in estrema sintesi: 

Storo: scorporo di circa 35.000 mq di area industriale esistente e di circa 137.000 mq di area di progetto, destinando
la superficie stralciata parte ad area agricola di pregio e parte in area agricola
Roncone: scorporo di circa 1.150 mq di produttiva esistente, destinandola in parte ad attrezzature collettive ed in parte riclassificandola comearea artigianale di livello locale.

Zuclo: scorporo di circa 17.000mq di area industriale di progetto, destinandola ad area agricola di pregio ed in parte ad area per attrezzature e servizi pubblici
Comano: riclassificazione ad area artigianale di livello locale di circa mq 53.000 mq di area industriale (32.000 mq
dell’area produttiva esistente di Cares e di 21.000 mq dell’area produttiva esistente di Ponte Arche).

Valuta questo sito

torna all'inizio