Vai menu di sezione

Parco Naturale Adamello Brenta

Nell’ambito delle competenze in materia di Parchi naturali, che sono amministrati da appositi Enti di diritto pubblico in cui sono rappresentati gli Enti Locali, la Provincia e le associazioni, la L.P. 18/1988 prevede la presenza del Servizio negli organi di gestione (Comitato di gestione e Giunta esecutiva) e di consulenza (Comitato scientifico dei Parchi), e gli assegna in generale funzioni istruttorie, la gestione del contenzioso specifico per tutte le norme della L.P. 18/1988, nonché adempimenti tecnico-amministrativi riguardanti il funzionamento dei due Enti di gestione. Le attività all’interno dei Parchi sono disciplinate dal Piano di Parco e dal Piano faunistico; in particolare il Piano del Parco del Parco Adamello Brenta risale al 1999. Il Parco Naturale Adamello Brenta nasce non solo per conservare e proteggere l’ambiente naturale, ma anche per educare e per sostenere la ricerca scientifica, con lo scopo di migliorare la convivenza tra ambiente naturale e attività umane. Alla gestione del parco contribuiscono le rappresentanze di tutti i comuni dell’area protetta e del mondo ambientalista, venatorio, alpinistico, scientifico. Il Piano del Parco, una vera e propria legge interna, fornisce le indicazioni, stabilisce le regole e i comportamenti necessari per raggiungere gli scopi prefissati. Per una gestione più attenta e calibrata il territorio è articolato in riserve integrali, guidate e controllate, secondo diversi gradi di protezione. Il Parco Naturale Adamello Brenta è la più vasta area protetta del Trentino; situato nel Trentino occidentale, con i suoi 620,51 Kmq comprende i gruppi montuosi dell'Adamello e del Brenta, separati dalla Val Rendena e compresi tra le valli di Non, di Sole e Giudicarie. E' interessato dalla presenza di 48 laghi e dal ghiacciaio dell'Adamello, uno dei più estesi d'Europa. Da circa una decina di anni il Parco è interessato ad un progetto di reintroduzione dell'orso, che, in pochi anni, ha portato i plantigradi a raggiungere la trentina di esemplari.
Sede del PARCO NATURALE ADAMELLO BRENTA
a Strembo, Via Nazionale n. 24
Tel: 0465-806666
Fax: 0465-806699
www.pnab.it
info@pnab.it

Presidente: Antonio Caola (eletto il 15.10.2010)
Nella Giunta esecutiva, oltre al Presidente, sono presenti:
Ivano Pezzi, vicepresid. (Campodenno), suppl. Nadia Demarco (Sporminore)
Giulio Ceranelli (Ragoli), suppl. Michela Simoni (Montagne)
Giovanni Ghezzi (Breguzzo), suppl. Alan Pellizzari (Daone)
Roberto Gusmerotti (Comano Terme), suppl. Monica Mattevi (Stenico)
Giuseppe Scrosati (San Lorenzo B.), suppl. Gianluca Gregori (Dorsino)
Silvano Maestranzi (Giustino), suppl. Ivano Rambaldini (Carisolo)
Gilberto Masè (Strembo), suppl. Alberto Ongari (Pelugo)
Marco Odorizzi (Tuenno), suppl. Romina Menapace (Tassullo)
Rodolfo Pozza (Sporminore), Clara Campostrin (Molveno)
Direttore: dott. Roberto Zoanetti

Le "Case del Parco" sono spazi allestiti per offrire al visitatore le informazioni generali sull'offerta naturalistica del Parco e dei suoi servizi, ma anche per illustrare aspetti particolari dell'ambiente; un'esplorazione virtuale propedeutica a quella reale a diretto contatto con le meraviglie del Parco.
Casa del Parco "Flora" - Stenico (un mondo di acqua e di piante)
L'acqua e il meraviglioso mondo delle piante sono i due temi principali della Casa della Flora. Il tema dell'acqua viene affrontato lungo un percorso didattico all'aperto e tacca le cascate del Rio Bianco, scavalcando la forra del torrente, mentre il patrimonio vegetale del Parco è illustrato sia nella Casa, sia all'aperto nell'orto botanico che presenta gli ambienti vegetali del Parco e le caratteristiche delle varie parti della pianta.
Info: Casa della Flora, Area natura Rio Bianco, Stenico
tel. 0465-702579, tel. 0465-806666 (ingresso gratuito)
Casa del Parco "C'era una volta" - San Lorenzo in Banale (mostra etnografica)
Si tratta di una mostra etnografica permanente allestita dal Parco presso la settecentesca "Casa Osei", che presenta oggetti della collezione "Widmann" acquistata alcuni anni fa dal Parco. E' un'esposizione che custodisce la memoria della civiltà contadina: utensili d'uso quotidiano della casa, oggetti del lavoro agricolo e silvo-pastorale, segni del passato che tramandano la storia di persone e luoghi legati alle attività tradizionali di montagna.
Info: Casa "C'era una volta", c/o "Casa Osei", San Lorenzo in Banale
tel. 0465-734040, 0465-806666 (ingresso gratuito)
Casa del Parco "Fauna" - Daone (liberi tra cielo, acqua e terra)
E' dedicata alla scoperta dell'eccezionale ricchezza faunistica del Parco: cervi e caprioli convivono con l'orso bruno, camosci e stambecchi pascolano in quota accanto a marmotte e pernici bianche, mentre la maestosa aquila reale ed il raro gipeto volano in alto nel cielo.
Info: Casa della Fauna, c/o Villa De Biasi, Daone, ingresso gratuito
tel. 0465-670127  (ingresso gratuito)

Tipologia di luogo
Parco naturale
Collocazione geografica

Come arrivare

torna all'inizio del contenuto

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto