Vai menu di sezione

Surroga dei mutui agevolati in materia di Edilizia abitativa

Con deliberazione n. 1509 del 2 settembre 2016 la Giunta provinciale ha disposto di procedere alla rinegoziazione dei tassi d’interesse dei mutui agevolati fino ad oggi stipulati. 

Successivamente con le determinazioni del Dirigente n. 326 del 10 ottobre 2016, n. 347 del 25 ottobre 2016 e n. 375 dell’11 novembre 2016 sono state impartite le indicazioni operative per l’attuazione della rinegoziazione dei tassi d’interesse. In particolare con la determinazione 375/2016 si è preso atto delle banche che hanno accettato la proposta di riduzione dei tassi di interesse e delle banche che hanno invece rifiutato tale proposta. Si è preso inoltre atto che alcune banche, oltre ad accettare la proposta di riduzione dei tassi di interesse con riferimento ai mutui dalle medesime stipulati, si sono altresì impegnate, nei termini e alle condizioni stabilite dalla determinazione n. 347/2016, a surrogare i mutui delle banche che non hanno accettato la rinegoziazione.

Il comma 2 bis dell’articolo 3 della legge provinciale 20 gennaio 1987, n. 3, recentemente introdotto dalla legge di stabilità provinciale 2017 n. 20 del 29 dicembre 2016, stabilisce che “Se uno o più istituti bancari convenzionati non aderiscono alle operazioni di rinegoziazione delle condizioni di onerosità dei finanziamenti assistiti da agevolazioni in conto interessi entro il termine assegnato, la Provincia promuove la portabilità di questi finanziamenti presso gli altri istituti bancari convenzionati che hanno aderito alla rinegoziazione e si sono resi disponibili a eseguire la surrogazione dei finanziamenti.”.

In attuazione di tale disposizione la Provincia ha deciso di scrivere ai mutuatari che hanno stipulato un mutuo agevolato con le banche che hanno rifiutato di rinegoziarne il tasso d’interesse evidenziando l’opportunità di trasferire il mutuo medesimo presso le banche che si sono rese disponibili a eseguire la surrogazione dei finanziamenti.

Le banche che hanno rifiutato di rinegoziare il tasso d’interesse del mutuo sono le seguenti:

• UniCredit S.p.A.

• Intesa Sanpaolo S.p.A.

• Mediocredito Trentino-Alto Adige S.p.A.

Peraltro, dalle ultime comunicazioni con Mediocredito Trentino-Alto Adige S.p.A. si evince che non ci sono più mutui con condizioni di tasso d’interesse tali da rendere surrogabile il mutuo presso altra banca.

Le banche che si sono rese disponibili a eseguire la surrogazione dei finanziamenti sono le seguenti:

• la Cassa Rurale Alto Garda BCC SC

• la Cassa Rurale Valsugana e Tesino BCC SC;

• la Cassa Rurale della Valle dei Laghi BCC SC;

• la Cassa Rurale Olle-Samone-Scurelle BCC SC;

• la Cassa Rurale Alta Valsugana BCC SC;

• la Cassa Rurale di Roncegno BCC SC;

• la Cassa Rurale di Trento BCC SC;

• la Banca Valsabbina S.C.p.A.

Si prende atto della comunicazione pervenuta per le vie brevi da Cassa Centrale Banca Credito Cooperativo del Nord Est S.p.A. che la Cassa Rurale di Olle-Samone-Scurelle e la Cassa Rurale di Roncegno sono state fuse nella Cassa Rurale Valsugana e Tesino e che la Cassa Rurale della Valle dei Laghi è stata fusa nella Cassa Rurale Alto Garda. Entrambe le fusioni a far data dal 1° gennaio 2017.

Le sopra elencate banche si sono rese disponibili ad eseguire la surrogazione applicando untasso di interesse pari a quello applicato ai mutui oggetto di rinegoziazione. Tale “tasso di conversione” è individuato dal punto 2) del dispositivo della determinazione n. 326/2016. Sono comunque ammesse operazioni di surrogazione ad un tasso inferiore a quello applicato ai mutui oggetto di rinegoziazione considerato che tale minor tasso comporta un maggior vantaggio per la finanza pubblica.

A breve gli interessati  riceveranno una lettera da parte della Provincia con le indicazioni per poter effettuare la surrogazione di cui sopra.

Chi fosse interessato deve recarsi presso la Comunità delle Giudicarie e presentare il modulo qui di seguito disponibile, entro il 15 maggio 2017 – l’Ufficio Edilizia Abitativa – tel. 0465/339522 – 0465/339525 – e-mail: edilizia abitativa@comunitadellegiudicarie.it

Valuta questo sito

torna all'inizio