Ti trovi in:

Home » I Comuni » Comune di Pelugo

Comune di Pelugo

Immagine decorativa
Sorge sul conoide di deiezione formato dal Bedù di Pelugo o Bedù II, sulla cui sponda destra si trova l'imbocco della gola terminale della Valle di Borzago che sale ai ghiacciai del Làres e del Carè Alto. Il paese fu ricostruito dopo l'incendio del 4 marzo 1922.
Sul piano a SE del paese si trovavano i casolari di Arena, nominati nel 1364, e distrutti, pare, da una delle cattive alluvioni del Bedù. La leggenda invece dice che furono dati alle fiamme da Carlo Magno. Il paese, infatti, è assai antico e dominato dal castelliere preistorico di S. Zeno. Vi fiorivano l'industria del legname, della seta, l'artigianato del ferro battuto (fucine sul Bedù) e la torchiatura dell'olio di noce. Importante per l'economia di oggi è l'edilizia e la lavorazione del legname.

Municipio: n. civ. 2
Tel. 0465/801132 - Fax 0465/800326
comune@comune.pelugo.tn.it
www.comune.pelugo.tn.it
Sindaco: Mauro Chiodega
Festa patronale: Festa dell'Angelo (ultima domenica di luglio)


CAP
38079
Stemma
Immagine decorativa
Evoluzione demografica
Popolazione 1921-2011
Abitanti
392
Superficie km2
23
Altitudine (metri sul livello del mare)
652
Codice Istat
022138
Comuni Limitrofi
Caderzone, Daone, Massimeno, Montagne, Spiazzo, Strembo, Vigo Rendena, Villa Rendena
Nome degli abitanti
pelughesi (i pilùch)
Sede comunale principale